La storia di Ejby, caduta nel 2016 sul suolo danese dopo un viaggio piuttosto lungo, ma anche quella di Melina, che l'ha trovata e conservata con cura nonostante la maestra le avesse detto di lasciarla, sono solo alcune delle curiosità che scoprirete visitando il Museo Geologico di Copenaghen.

Una volta varcato l'ingresso del palazzo di fine Ottocento, vi sembrerà di trovarvi all'interno di una grotta e vi basterà alzare gli occhi verso il soffitto per rimanere affascinati da colori sgarcianti scelti apposta per dare un'idea degli strati geologici. L'artista che si è occupato dell'abbellimento del piano terra era anche un geologo. Si chiamava Per Kirkeby ed è molto conosciuto sia in Danimarca che all'estero.

Il prezzo per l'entrata presso il Museo Geologico corrisponde a 105 corone danesi (circa 14 euro) per gli adulti. I bambini tra i 3 e i 17 anni e gli studenti, che mostrano la loro carta studente, pagano 50 dkk (circa 7 euro). Il biglietto è valido per 48 ore e dà accesso anche al Museo Zoologico e alla Casa della Palma nel Giardino Botanico. Si consiglia di consultare sempre il sito ufficiale del museo quanto a orari di apertura e tariffe, poiché potrebbero subire delle variazioni.

A qualche scalino dal primo piano vi colpiranno due murali. L'uno rappresentante il padre della geologia, Niels Steensen (conosciuto come Niccolò Stenone in Italia), ai piedi della campagna toscana, fuori Firenze; l'altro, le scogliere di gesso di Møns Klint, un sito da non perdere quando in visita in Danimarca.

La collezione permanente presso il Museo Geologico consta di due parti, una dedicata ai minerali, cristalli e pietre preziose; l'altra, alle farfalle. Inoltre, fino al prossimo 30 agosto 2020, vi sarà possibile visitare, "Meteoriti, Un viaggio nel tempo e nello spazio", una mostra temporanea che delizierà voi e i vostri bambini con video sulla formazione del sistema solare, esperienze interattive e ritrovamenti strepitosi.

Prima di lasciare il museo non dimenticate di trascorrere un po' di tempo nella sala delle farfalle, che è stata adibita a zona attività. Lì si possono osservare le farfalle al telescopio, colorare quelle di carta a disposizione ed unirle a tutte le altre nel lampadario volante.

Fino al 29 dicembre presso il Museo Zoologico potrete anche visitare la mostra natalizia sui Nisser, ovvero i folletti.

Ricordate che a Natale abbiamo tutti piacere di stare con le nostre famiglie, infatti il Museo Geologico, Zoologico e la Casa della Palma saranno chiusi il 24, 25, 26 e 31 dicembre così come l'1 gennaio. Tuttavia, il Giardino Botanico sarà aperto dal 25 al 31 dicembre dalle 830 alle 16.

Ultima cosa, ma non meno importante: il Museo Geologico di Copenaghen appartiene al Museo di Storia Naturale così come il Museo Zoologico ed il Giardino Botanico. Questi tre verranno unificati in un'unica struttuta che è in costruzione e sarà terminata nel 2023. Non vedo l'ora di vederla!